Image
Image

PRESENTANO

Mazara \ Mahara

Nelle scarpe di mio padre

Image

progetto film documentario

a cura di

Sarah Panatta - Toni Garrani - Carlo Benso

e

Piero Bombardieri

In collaborazione con

l’UNIVERSITA’ ROMA TRE – DIPARTIMENTO DI STORIA

Image
Image
Image
Image

Mar Mediterraneo

 

Quel mare di mezzo – Mare Medi-Terraneum in latino, il mare in mezzo alle terre – che i romani definivano Mare Nostrum, culla di grandi civiltà come quella Fenicia, Greca ed Egiziana, grazie alla sua collocazione geografica è stato da sempre un importantissimo crocevia di scambi commerciali e culturali. Ponte tra Oriente e Occidente. Il Mediterraneo è oggi divenuto teatro di diaspore e conflitti, di speranze naufragate, di traffico di esseri umani, ma anche di occasione di studio e strategie sociali e politiche e di solidarietà. Non solo luogo geografico, ma immaginario mutevole che contribuisce a influenzare la percezione dell’altro rappresentandolo come prossimo, simile, fratello dell’altra sponda.

Nella profonda oscurità del mare, appaiono due occhi bianchi. Sono quelli del SATIRO DANZANTE, voce narrante, guida, testimone e ambasciatore di speranza, del film documentario.

faccia di bronzo

“Ho visto, con questi occhi, da secoli, generazioni di umani in cerca di fortuna attraversare queste tormentate e selvagge acque.”

 

Il documentario Mazara/Mahara. Nelle scarpe di mio padre, è il racconto di quel tratto di acque, vite, storia e storie, verso nuove convivenze possibili, del Mediterraneo tra Mazara del Vallo e la Tunisia.

 

Film Documentario

 

Mazara del Vallo: crocevia dei popoli e simbolo della fluidità contemporanea, tra immigrazione, emigrazione, integrazioni fuori dall’ordinario. Cittadina con circa 50 mila abitanti, conosciuta soprattutto come primo centro in Italia per la pesca industriale, è caratterizzata dalla sua multiculturalità radicata. Mazara a partire dalla prima metà degli anni Sessanta del 1900 divenne il primo polo d’immigrazione nel nostro Paese. Infatti, in quegli anni molti giovani tunisini, prima in modo irregolare, poi regolarizzandosi, trovarono lavoro nella flotta dei pescherecci di Mazara.

Ognuno di noi cammina nelle scarpe del proprio padre, su una strada percorsa avanti e indietro da generazioni diverse, ognuna collegata all’altra nella sua peculiarità, in un sottile lento processo di transito e di tradizione culturale.

Contatti

Sarah Panatta

Produzione e sceneggiatura

sarahpanatta@zoorama.it

Toni Garrani

Sceneggiatura

 tonigarrani@zoorama.it

Carlo Benso

Produzione e sceneggiatura

 carlobenso@zoorama.it